Marcello "MGpix" Ganzerli

Artigiano Digitale

Mi chiamo Marcello Ganzerli, classe 1985, base a Modena, Italia.
Diplomato geometra e intrapresa la progettazione CAD giusto in tempo per capire (un paio di anni dopo) che non era la mia strada. Totalmente travolto dagli eventi che si susseguono all’età della “maturità” ho provato varie esperienze lavorative di vari generi e settori, ma la mia curiosità era sempre più rivolta verso la grafica pubblicitaria. L’inizio della fine 🙂
Sono passati diversi anni ormai da quelle prime sere in camera a cercare da autodidatta di capire anche solo come usare la gomma in Photoshop, le prime imprecazioni e già la voglia di mollare tutto. 
Guardarsi in giro e vedere tutti più sicuri e più capaci di me, avere l’impressione che tutti sapessero esattamente dove stessero andando. E io? era la mia strada ?
Il lavoro non era soddisfacente, sentivo di voler studiare grafica ma riuscivo a ritagliarmi solo qualche ora la sera prima di svenire sulla tastiera. Mi sarebbe piaciuto frequentare corsi specifici, aver avuto la possibilità di trovare prima questa strada per poter investire meglio il tempo, ma non è andata così. L’unica arma a disposizione è la motivazione personale. Così, piano piano ho iniziato a picchettare la mia strada: 
ho approfondito studi di fotografia e post produzione, grafica vettoriale, illustrazioni e mockup per siti internet, tutto questo fuori orario di lavoro (8h al giorno 5 su 7).
Scuriosando tra gli innumerevoli artisti digitali, rimasi impresso dai lavori di Timothy J. Reynolds. Cercai di capire come facesse i suoi lavori perchè c’era qualcosa che non tornava. Modellazione digitale. Colpo di fulmine. Apparsa come un ponte tra tutti gli anni di studi grafici e le possibili applicazioni future ancora da scoprire. 
La mia scuola è stata Youtube e dopo aver provato un paio di software 3d, ho deciso di fidanzarmi con Blender per l’infinità di tutorial presenti sul web. (fu amore a prima vista, a volte ricambiato).
2019. Ad oggi la scuola non è finita, il lavoro mi occupa sempre parecchie ore, ma adesso è un lavoro che mi piace e mi permette di spaziare in vari settori della grafica, gli anni di studio iniziano a dare qualche risultato. 
Futuro: Ci sarà sempre qualcuno più bravo, al quale guardare con sana invidia costruttiva, come ci sarà sempre qualcuno pronto a puntare il dito per giudicare, ma va bene così. Se sei consapevole di chi sei, dell’impegno messo e del tempo investito, potrai sempre camminare a testa alta.
Forse tutti questi sacrifici non porteranno a nulla, o forse si, ma non è questo il punto del discorso. Io credo che quando l’approccio di partenza è così diverso da tutti gli altri percorsi di studio, cioè quando si impara qualcosa per se stessi, non ci sono limiti. Non ci devono essere limiti. e non c’è un fine preciso, se non quello stesso di imparare. 
Senza lo stress dato da consegne, senza quell’ ansia da studio e da esame o il peso psicologico del fallimento, sei solo con te stesso e la sfida è imparare a gestirti e migliorarti se vuoi ottenere dei risultati.
Passione e curiosità sono il motore di tutto da parecchi anni, spero lo siano per altrettanti.
Sentitevi liberi di partecipare.